Archivio mensile:gennaio 2018

Brioches salate al Culatello di Zibello

La fragranza della brioches, il gusto del Culatello

Altro abbinamento tra dolce e salato, protagonista il Culatello. Un'idea veramente originale per stupire i vostri ospiti e preparare un'apericena molto, ma molto particolare.

Si tratta di piccoli cornetti al burro, salati, farciti con Culatello di Zibello DOP e funghi champignon. La preparazione è facile e veloce, e bastano pochi semplici ingredienti: (dosi per 4 persone)

  • 8 fette di Culatello di Zibello
  • 8 brioches al burro, salate
  • 100 gr di funghi champignon
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 1 spicchio d'aglio
  • 2 cucchiai di olio evo
  • mezzo limone 
  • sale e pepe

Per saperne di più

Tra gusto e cultura con Ermanno Bencivenga

PIZZA, BIRRA E FILOSOFIA

Cena tra gusto e cultura – ospite della serata Ermanno Bencivenga
Serata enogastronimca particolare tra gusto e filosofia quella presso il ristorante Daldosso Salamensa di Montichiari (Brescia). In un locale gremito abbiamo avuto l’opportunità di degustare diverse pizze gourmet abbinate a tre birre del birrificio artigianale Baladin. La bionda Nelson, l’ambrata Super (che si ispira alle birre d’abbazia) e la Nazionale, la Ale 100% italiana.

E’ stato un autentico viaggio nel variegato mondo delle pizze “gourmet” con impasto da 30/36 ore di lievitazione. Realizzazione con farine 100% grano italiano intero da agricoltura sostenibile, macinate a pietra. Notevoli gli abbinamenti che hanno lasciato il segno. In primis la tradizionale (ma mai scontata) con prosciutto crudo Sant’Ilario 24 mesi, stracciatella pugliese e mozzarella fiordilatte. Poi quella con gamberi rossi crudi di Mazara del Vallo, mozzarella fior di latte, polvere di carapace e basilico. Infine un’audace ricetta con salmone affumicato, ricotta di capra, mozzarella fiordilatte, capperi di Pantelleria e finocchietto.

Prima di chiudere il menù con un delicato gelato al pistacchio mantecato al momento, abbiamo avuto l’opportunità di chiacchierare in maniera informale con il filosofo e saggista Ermanno Bencivenga che è professore ordinario di filosofia presso l’Università della California a Irvine. Presentando il suo nuovo libro “La scomparsa del pensiero” è nato un bellissimo dibattito sul perché l’essere umano non debba mai rinunciare a ragionare con la propria testa. Questo è sempre più complicato in un mondo tecnologico in cui spesso i ragionamenti vengono delegati a strumenti che “aiutano” a non pensare e a cercare sempre la soluzione più facile. Bella anche l’idea di regalare ad ogni partecipante una copia del nuovo libro.